Biography

Rosalia era la penultima dei componenti della famiglia Maggio, i cui capostipiti erano Mimì e Antonietta: sorella di Enzo, Dante, Beniamino, Pupella e della più piccola Margherita, era famosa per la sua seducente bellezza.

Nacque a Palermo, perché i suoi genitori erano in tournée lì.

Il debutto sulle scene avvenne, com'era d'uopo all'epoca, prestissimo: a quattro anni salì sul palcoscenico tra le braccia della madre nel drammone Mastu Giorgio 'o ferraro.[1]

Fu, nel corso della sua carriera, attrice eclettica e sensuale: passò senza difficoltà dal varietà all'avanspettacolo, dal dramma al teatro napoletano, passando per l'operetta, la rivista ma anche lo strip-tease, al quale cedette in un periodo di difficoltà finanziarie.[2] Negli anni sessanta fu interprete anche di numerose pellicole cinematografiche, tra le quali spicca un film con Totò e Peppino De Filippo, dal titolo Totò, Peppino e le fanatiche. Formò una compagnia teatrale con Giacomo Rizzo, con il quale resterà nel corso degli anni un sodalizio artistico.

Nel corso della sua carriera ha effettuato anche delle brevi escursioni canore, incidendo per l'etichetta Phonotype "Bammenella" di Raffaele Viviani, per l'etichetta Nuova New York "Povera mamma mia" di Alberto Sciotti e Tony Iglio, per l'etichetta La Canzonetta "A guardaporte" di Cristofaro Letico e Aniello Langella e "Lo penzo ma non lo fò" di Gigi Pisano e Giuseppe Cioffi, ecc.

In teatro tornò grazie ad Antonio Calenda che la riunì a Beniamino e Pupella nello spettacolo 'Na sera 'e Maggio.

Morì a Napoli di un male fulminante il 25 luglio 1995.[

Rosalia era la penultima dei componenti della famiglia Maggio, i cui capostipiti erano Mimì e Antonietta: sorella di Enzo, Dante, Beniamino, Pupella e della più piccola Margherita, era famosa per la sua seducente bellezza.

Nacque a Palermo, perché i suoi genitori erano in tournée lì.

Il debutto sulle scene avvenne, com'era d'uopo all'epoca, prestissimo: a quattro anni salì sul palcoscenico tra le braccia della madre nel drammone Mastu Giorgio 'o ferraro.[1]

Fu, nel corso della sua carriera, attrice eclettica e sensuale: passò senza difficoltà dal varietà all'avanspettacolo, dal dramma al teatro napoletano, passando per l'operetta, la rivista ma anche lo strip-tease, al quale cedette in un periodo di difficoltà finanziarie.[2] Negli anni sessanta fu interprete anche di numerose pellicole cinematografiche, tra le quali spicca un film con Totò e Peppino De Filippo, dal titolo Totò, Peppino e le fanatiche. Formò una compagnia teatrale con Giacomo Rizzo, con il quale resterà nel corso degli anni un sodalizio artistico.

Nel corso della sua carriera ha effettuato anche delle brevi escursioni canore, incidendo per l'etichetta Phonotype "Bammenella" di Raffaele Viviani, per l'etichetta Nuova New York "Povera mamma mia" di Alberto Sciotti e Tony Iglio, per l'etichetta La Canzonetta "A guardaporte" di Cristofaro Letico e Aniello Langella e "Lo penzo ma non lo fò" di Gigi Pisano e Giuseppe Cioffi, ecc.

In teatro tornò grazie ad Antonio Calenda che la riunì a Beniamino e Pupella nello spettacolo 'Na sera 'e Maggio.

Morì a Napoli di un male fulminante il 25 luglio 1995.[

Personal Info

Known For Acting

Gender -

Known Credits 18

Birthday 1921-05-01

Day of Death 1995-07-25

Place of Birth Palermo, Italy

Official Site -

Also Known As

  • -

Acting TV ShowsMovies

1988 Chiari di luna
1981 I figli... so' pezzi 'e core
1980 La pagella as Adelia
1974 Blood Brothers as Amalia Scognamiglio
1972 Don't Torture a Duckling as Mrs. Spriano - Michele's mother
1965 Made in Italy as Another Guest (segment "2 'Il Lavoro', episode 2")
1965 I due toreri as Donna Matilde, moglie di Don Calogero
1965 Menage all'italiana as Stella's Mother
1963 The Girl from Parma as Iris
1963 La donna degli altri è sempre più bella as Lucia Marcani (segment "La dirittura morale")
1962 The Four Days of Naples as Scared Woman
1962 Roaring Years as Donna Nunzia
1961 Day by Day, Desperately
1960 Totò, Peppino e le fanatiche as Anita Vignanelli
1958 Carosello di canzoni as Concetta Apicella
1957 Te stò aspettanno
1954 Lettera napoletana
1954 Desiderio 'e sole as zia Clara

By signing up for an account on TMDb, you can post directly to Twitter and Facebook.

You need to be logged in to continue. Click here to login or here to sign up.

Global

s focus the search bar
p open profile menu
esc close an open window
? open keyboard shortcut window

On media pages

b go back (or to parent when applicable)
e go to edit page

On TV season pages

(right arrow) go to next season
(left arrow) go to previous season

On TV episode pages

(right arrow) go to next episode
(left arrow) go to previous episode

On all image pages

a open add image window

On all edit pages

t open translation selector
ctrl+ s submit form

On discussion pages

n create new discussion
w toggle watching status
p toggle public/private
c toggle close/open
a open activity
r reply to discussion
l go to last reply
ctrl+ enter submit your message
(right arrow) next page
(left arrow) previous page